La vera storia del coccodrillo vicentino…

Una spettacolare narrazione animata per attori, pupazzi e … acqua! dedicato ai bambini di tutte le età.

Andrea Dellai e  Tommaso Franchin  ci prendono per mano e ,con un salto nel passato remoto delle nostre valli, ci portano a conoscere la storia de ” L’ enorme coccodrillo” riletta in chiave..vicentina!

La testimonianza di Paolo Lioy e la favola di Roald Dahl  si incontrano al lago di Fimon…ne nasce un personaggio delizioso!

contatti:  info@tesorodifimon.it

exvuototeatro@gmail.com

Andrea 3498842360

de

Lo sapevate che tanto, tantissimo tempo fa, quando c’erano ancora pochissimi uomini sulla Terra e il pesce siluro dormicchiava ancora beato nelle freddissime terre di Russia, il lago di Fimon era infestato di enormi, affamatissimi, terribili coccodrilli? Non sto mica scherzando! Il crocodilus vicetinus sguazzava felice e indisturbato nelle acque di questo piccolo lago, tra le palafitte di legno e delle gigantesche canne di bambù, sempre pronto a ingozzarsi di uccelli e anche di … bambini primitivi! Se non ci credete andate a controllare nelle stanze del museo di Storia naturale di Vicenza: ce n’è un esemplare intero … solo che è un fossile. Io, però, so che è vivo ancora oggi! Sì sì! Solo che ha imparato a nascondersi benissimo. Non ci credete? Ebbene, dovete sapere che ne ho conosciuto uno. Se volete ve lo faccio incontrare. Dovete sapere, bambini, che i coccodrilli di Vicenza si sono annoiati così tanto in tutti questi secoli, mentre stavano nascosti per paura dei cacciatori, che hanno addirittura imparato a leggere e a scrivere. Non sto scherzando!Tanto che il mio piccolo amico mi ha raccontato una storia … state a sentire …

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s